MELA

REALE E VIRTUALE: GLI EVENTI DI RACCOLTA FONDI CAMBIANO VESTE (MA NON SOSTANZA)

Maggio 30, 2020

Da sempre gli eventi di raccolta fondi sono uno degli assi portanti della raccolta fondi di tante Organizzazioni Non Profit. Eventi che coinvolgono migliaia di volontari, animano piazze e teatri, raccolgono fondi e fanno conoscere a tante persone l’operato di tante realtà italiane e non. Concerti, aste, lotterie, banchetti, tutto è fermo.Vietata ogni forma di assembramento e di contatto, tratti salienti di ogni evento di raccolta fondi.

Ecco allora che tantissime realtà si pongono diverse domande: Come possiamo fare? Come possiamo cambiare veste a ciò che abbiamo sempre fatto senza mutarne la sostanza?

Sono nate tante iniziative per sopperire al contatto fisico senza disattendere i donatori e conseguentemente perdere donazioni.

AIL ha reso virtuale le sue oramai consuete Uova di Pasqua (qui Luisa Clausi di AIL Roma racconta come hanno fatto), Antoniano ha creato una Charity Dinner virtuale in collaborazione con Emporio Armani Ristorante (leggi come si svolgeva l’evento) oppure Fondazione IEO che per la campagna #NessunoRestaIndietro ha coinvolto la cantante Arisa in un concerto su Instagram per raccogliere fondi.

Tanti modi diversi per non fermarsi e ripensare la propria raccolta fondi!

MELA

LE AZALEE AIRC e AMAZON: COME REIVENTARE L’EVENTO DI PIAZZA AL TEMPO DEL COVID.

Maggio 12, 2020

Non c’è Festa della Mamma senza le Azalee di Fondazione AIRC.

A Maggio siamo abituati a vedere nelle nostre città decine di banchetti e volontari che scendono in piazza per raccogliere fondi per la ricerca incontrando migliaia di donatori.

Quest’anno il Covid 19 ha stravolto qualsiasi tradizione e ci ha costretto a ripensare tantissime attività quotidiane e anche di raccolta fondi.

Ma la forza sorprendente di tutto questo è nel non fermarsi di fronte all’ostacolo per cui “se Maometto non può andare alla montagna, la montagna va da Maometto” e quindi le Azalee della ricerca hanno viaggiato fino a raggiungere le nostre case grazie alla partnership di Fondazione AIRC con Amazon.

E così anche quest’anno la ricerca sul cancro potrà contare sui tanti donatori che sceglieranno di spedire ai propri cari vicini e lontani l’Azalea.

Mela, che collabora con Fondazione AIRC nella realizzazione dei materiali per il piano editoriale social, anche in questa occasione era presente. Guarda qui!